Pensioni e conto corrente: come ridurre i costi di gestione

di Redazione Commenta

Il costo della vita è salito negli ultimi anni per via della crisi economica e le pensioni italiane non sempre vengono adeguate al caro vita perdendo il loro originale potere d’acquisto. Pensionati di tutte l’età e di tutte le categoria tendono, quindi, a risparmiare sui consumi. Ma alle volta è bene conoscere anche piccole regole che possono far risparmiare sul conto corrente o meglio sulle spese di gestione di quest’ultimo.

In molti casi si fa attenzione al costo della vita e si risparmia in diversi ambiti, dai beni primari a quelli secondari. Ma è bene sapere che, con alcune piccole accortezze, c’è la possibilità di ridurre i costi di gestione del proprio conto corrente.

La conoscenza delle condizioni contrattuali del conto è molto importante. È proprio da questa conoscenza che si capisce che tipi di costi vengono sostenuti per il mantenimento del proprio conto corrente bancario e per quali operazioni. Tutti gli utenti che non conoscono le condizioni che vincolano il proprio conto corrente possono reperire tali informazioni presso il contratto originario. Tutti coloro che possono avere difficoltà nel farlo, o preferiscono avere un contatto diretto con una persona fisica sul merito, possono recarsi tranquillamente presso il proprio istituto di credito per chiedere spiegazioni e delucidazioni varie. Appresi i costi di gestione è possible trattare per una riduzione o optare per un contratto più vantaggioso preso un altro istituto di credito.

Un’altra buona regola legata alla gestione del conto corrente è quella della verifica mensile dell’estratto conto. Questa verifica permette di individuare tutti i costi che mensilmente vengono sostenuti per le gestione del conto.