Iva, differenze tra regime dei minimi e regime forfettario

di Sofia Martini Commenta

I contribuenti preferiscono il regime dei minimi?

Regime dei minimi o regime forfettario? Cosa preferiscono coloro i quali decidono di aprire una partita Iva?

Sicuramente le differenze tra i due sistemi non paiono essere irrilevanti. Vi è in tutti i modi un preciso privilegio da parte dei contribuenti in merito, testimoniato dalla corsa ad aprire una partita Iva verificatasi durante il mese di novembre 2014. Rispetto al mese di novembre del 2013, sotto questo aspetto, si registra un discreto +8,4%.

Così facendo, infatti, ci si poteva “salvare” dall’applicazione del nuovo sistema a forfait, ormai universalmente considerato meno conveniente in particolar modo per i giovani professionisti.

Ecco il parere degli esperti:

Questo tipo di ultima possibilità per continuare ad avvalersi del vecchio regime dei minimi, anche noi la raccontavamo già da tempo, segnalando come molti potenziali interessati si stessero organizzando in questo senso. Quello che forse non tutti si aspettavano, era la dimensione che ha assunto questo fenomeno: una crescita stimata di addirittura l’84 per cento in più rispetto al mese di ottobre del 2013. Numeri che non sono sicuramente passati inosservati al Ministero dell’Economia, che con una nota non ha potuto fare a meno di sottolineare come non l’andamento osservato possa essere stato influenzato dall’introduzione del regime forfettario. Di fatto, con l’inizio del nuovo anno la legge di Stabilità ha mandato in soffitta sia il regime dei minimi previsto dal dl n. 98/2011 (con tetti di ricavi a 30 mila euro e aliquota sostitutiva al 5 per cento per tutti), sia il regime delle nuove iniziative produttive (fatturato ammesso di 30.987 euro e imposta sostitutiva al 10 per cento). L’accusa più frequente al nuovo sistema forfettario (con applicazione dell’imposta sostitutiva del 15 per cento su reddito determinato con metodi forfettari) è di comportare una riduzione della pressione fiscale solo al di sopra dei 35 mila euro di ricavi; tetto al quale solo poche categorie possono arrivare (albergatori, commercianti, ristoratori).