Codice fiscale anche per le imprese che fanno squadra

di giannip 1

Facendone richiesta ai fini operativi, anche le imprese che fanno squadra, ovverosia quelle che formano le cosiddette reti di impresa, possono avere il codice fiscale. Il via libera, da parte dell’Agenzia delle Entrate, è arrivato con una apposita risoluzione, la numero 70/E che apre quindi al codice fiscale anche per quelle aziende che si aggregano con il fine di massimizzare, facendo proprio squadra, il loro grado di innovazione e di competitività sul mercato. Il tutto fermo restando che, in accordo con una nota emessa in data odierna dall’Amministrazione finanziaria dello Stato, l’assegnazione di un codice fiscale, in capo alla rete di imprese, non comporta soggettività a livello tributario.

Ai fini della richiesta del codice fiscale occorre semplicemente andare a presentare, in un qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate, il modello AA5, facendo però molta ma molta attenzione alla compilazione dei campi in quanto i dati inseriti, precisa l’Agenzia delle Entrate, non devono corrispondere a quelli del contratto di rete.

Al riguardo il documento di prassi emanato dall’Agenzia delle Entrate spiega passo passo come compilare il modello AA5 col quale la rete di imprese può ottenere il codice fiscale. Ad esempio, per quel che riguarda l’indicazione del codice attività, nel caso in cui alla rete di imprese non corrisponda, in base alla tabella Ateco 2007, un unico codice attività identificativo, allora l’Agenzia delle Entrate precisa nel documento di prassi come in questo caso debba essere usato il codice attività 94.99.90, quello delle “Attività di altre organizzazioni associative nca“.

A favore delle reti d’impresa ricordiamo che nel maggio scorso hanno debuttato gli sgravi fiscali loro riservati grazie al Decreto Legge numero 78 del 2010, in corrispondenza dell’articolo 42. Al riguardo le Entrate, con una Circolare, la numero 15/E dello scorso mese di aprile, hanno fornito dei chiarimenti. Le risorse stanziate, nel triennio 2011-2013, ammontano 48 milioni di euro, di cui 20 per il corrente anno.

Commenti (1)

I commenti sono disabilitati.