Che cos’è l’IRPEF

di giannip Commenta

IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) è un tributo diretto, personale e progressivo regolato dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR).

L’istituzione dell’IRPEF risale al 1974 mentre si stava lavorando alla riforma del sistema fiscale. Infatti nel 1973 vennero introdotte l’IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) e l’INVIM (Incremento Valore Immobili).

Il presupposto su cui si basa l’IRPEF è il possesso di redditi che rientrano nelle seguenti categorie:

  • redditi fondiari
  • redditi di capitale
  • redditi di lavoro dipendente
  • redditi di lavoro autonomo
  • redditi di impresa
  • redditi diversi

I soggetti passivi dell’IRPEF sono le persone residenti sul territorio italiano (per tutti i cespiti posseduti e i redditi prodotti in patria o all’estero) e le persone non residenti sul territorio italiano (per i soli redditi prodotti nel territorio italiano). Nella disciplina IRPEF rientrano anche le società di persone, e altri enti a esse assimilati.

L’Irpef è quindi un’imposta personale e progressiva sui redditi, ovverosia calcolata in base al reddito percepito sia dal lavoratore dipendente, sia dal pensionato o dal lavoratore autonomo. Per i lavoratori subordinati e per i pensionati, il prelievo dell’Irpef è alla fonte, ovvero prelevato mensilmente direttamente dalla busta paga. L’ultima revisione Irpef è quella avvenuta con la Finanziaria 2007, quando sono stati definiti cinque scaglioni di applicazione dell’Irpef, e cinque corrispondenti percentuali di applicazione dell’imposta.

La percentuale minima di Irpef che si paga sul reddito è quella del 23% per redditi imponibili fino a 15 mila euro; per la parte eccedente i 15 mila euro, e fino a 28 mila euro, l’imposta sale al 27%; è del 38% per la parte eccedente i 28 mila euro e fino ai 55 mila euro, mentre dai 55 mila e fino ai 75 mila euro si paga il 41%.

Infine, ricordiamo che tra le novità dell’approvata legge di stabilità 2013, c’è sicuramente la circolare n. 228 del 2012 che ha imposto che gli addizionali regionali Irpef attenuate per i contribuenti più abbienti verranno applicate solo dal 2014.