Bonus famiglia: il 30 giugno scade il termine per l’invio telematico della richiesta

di Redazione Commenta

Dunque, mancano pochi giorni per provvedere all’invio per via telematica all’Agenzia delle Entrate della richiesta del cosiddetto “bonus famiglia”: la scadenza, per la precisione, si riferisce ai redditi che sono stati conseguiti nel 2008 e a quei soggetti che sono esonerati dall’adempimento. Come è noto ormai da diverso tempo, questo particolare bonus è stato introdotto dal celebre decreto anticrisi (il Decreto legge 185/2008) ed è un’iniziativa che è stata ideata per venire incontro a lavoratori, pensionati e famigli a basso reddito: la somma in questo senso è molto variabile, in quanto si passa dai 200 ai 1.000 euro, in riferimento al numero dei componenti della famiglia. Ci sono altre condizioni che contraddistinguono questo provvedimento: ad esempio, il fatto che per poter usufruire di esso è necessario percepire redditi non superiori ai 2.500 euro, intendendosi in questo caso la somma totale riferita all’intero nucleo. In che modo deve avvenire questo invio?

 

La domanda va inviata utilizzando un apposito modello, il cosiddetto “Modello agenzia”, il quale può essere scaricato dal sito delle Entrate: questo documento va compilato avendo cura di apporre i dati anagrafici del richiedente del bonus oltre a una dichiarazione sostitutiva che attesti il possesso dei requisiti necessari, la composizione della famiglia e il reddito di ciascun membro. Altre indicazioni importanti che possono essere attestate riguardano le coordinate del conto corrente bancario o postale, una delle modalità di ricevimento della somma del bonus a cui si ha diritto. In caso di presentazione tramite intermediario, deve essere compilato l’apposito riquadro presente sul modello.

 

Tra l’altro, bisogna ricordare che tutti quei contribuenti che hanno ricevuto delle somme che non sono loro spettanti devono provvedere alla restituzione di esse, tramite un versamento col modello F24 entro e non oltre i termini di presentazione della prima dichiarazione. C’è infine da sottolineare il test messo a disposizione online anche un test che consente di verificare l’effettivo possesso dei requisiti per il bonus.