Incentivi imprenditoria femminile 2012

di giannip Commenta

Siamo nel 2012, ma ancora si rilevano nette differenze tra l’occupazione femminile e quella maschile. Gli incentivi dedicati al mondo dell’imprenditoria femminile sottolineano questo aspetto più di ogni altra cosa, visto che vengono stanziati fondi per le start-up in “rosa” che facilmente vengono esauriti in breve tempo, confermando l’idea che vi è un grande numero di imprenditrici in cerca di sbocchi professionali ed incentivi da sfruttare.

Il PO (Programma-obiettivo per l’incremento e la qualificazione dell’occupazione femminile) è stato redatto e proposto dal Comitato Nazionale per l’attuazione dei principi di parità di trattamento ed uguaglianza di opportunità tra lavoratrici e lavoratori. Si confermano incentivi per il 2012 relativi al reinserimento lavorativo, ma anche alle start-up ed all’imprenditoria femminile, per concludere con programmi di consolidamento delle realtà già presenti sul territorio.

L’occupazione femminile è agevolata non tanto in termini di parità di diritti per i lavoratori, quanto per l’effettiva disponibilità di risorse per le imprenditrici, che sempre di più vogliono emergere e consolidare i propri diritti e la propria presenza.

Dalla politica all’imprenditoria di anno in anno si consolida la presenza femminile, incentivata in maniera mirata; per sfruttare le agevolazioni fiscali delle azioni mirate previste dal PO 2012 bisogna presentare, al solito, la documentazione personale e relativa al progetto in oggetto, in forma digitale.