Pronto il nuovo modello per il bollettino Ici 2009

di Redazione Commenta

La Gazzetta Ufficiale della Repubblica dello scorso 30 marzo ha provveduto a pubblicare il decreto ministeriale che ha aggiornato e approvato il nuovo modello del bollettino postale per il pagamento dell’Ici 2009. Una prima novità che occorre evidenziare è senz’altro il fatto che sul nuovo bollettino postale di pagamento non apparirà più lo sconto aggiuntivo sull’Imposta Comunale sugli Immobili relativa alla prima casa; infatti, il decreto ministeriale del 25 marzo pubblicato in Gazzetta Ufficiale ha recepito le disposizioni che erano state approntate con la cosiddetta “manovra di primavera” (per la precisione si tratta del decreto legge 93/2008), dando così vita al nuovo modello di conto corrente. Dunque, spariranno le caselle in cui usualmente il contribuente poteva riportare quale importo intendeva ulteriormente detrarre per quanto riguarda l’abitazione principale.


Il nuovo bollettino comincerà ad essere valido a partire dall’acconto 2009: il suo uso è destinato sia ai pagamenti diretti, vale a dire quelli intestati al Comune di riferimento in cui si trovano gli immobili, sia a quei pagamenti che vengono effettuati mediante gli affidatari del servizio di riscossione. C’è anche da dire che in tale caso si può usufruire del servizio telematico offerto da Poste Italiane spa: nell’eventualità il contribuente si avvalga di questo servizio delle Poste, sarà l’ente postale stesso a inviare la conferma di avvenuta operazione e l’immagine virtuale del modulo, provvista di tutti i dati inseriti che riguardano gli immobili, come prova che il pagamento vi è stato ed ha avuto luogo in una data precisa.

Sarà compito sempre di Poste Italiane, poi, inviare telematicamente al Comune che è titolare del conto corrente le copie in formato cartaceo delle ricevute, oppure le immagini (anche in formato testuale) dei bollettini postali: negli archivi dell’ente rimarranno poi le copie dei pagamenti effettuati. Rimangono comunque sempre validi i servizi offerti dalle banche per poter effettuare i versamenti dell’Ici.