Meno tasse: a ottobre proposta di riforma Bersani

di giannip Commenta

Chi ha partecipato ha ascoltato l’Inno di Mameli cantato da Pier Luigi Bersani e dai dirigenti, preceduto da Canzone popolare di Ivano Fossati: questo il coro che ha aperto in Piazza Castello a Torino il comizio finale della Festa Democratica. Il Pd sta mettendo a punto una proposta per una riforma fiscale, ha annunciato Pierluigi Bersani, i cui punti principali consisteranno in un alleggerimento del carico fiscale per il lavoro e le imprese mentre ci sara’ maggior carico per i redditi derivanti da patrimonio e finanza e una lotta all’evasione fiscale.

Stiamo preparando un nostro progetto di riforma fiscale e lo presenteremo a ottobre – ha sottolineato il segretario del Partito democratico -. L’idea di alleggerire il carico su imprese, lavoratori e famiglie, sui redditi medio bassi e caricarlo sull’evasione fiscale. Caricare veramente sull’evasione fiscale – ha proseguito – significa arrivare in cinque sei anni da una Maastrich europea di fedelta’ fiscale.

Riforme che per Bersani vanno affrontate velocemente perche’ il Paese ne ha bisogno per uscire dalla crisi che non e’ solo economica ma investe anche la politica, come ha sottolineato il segretario, anche perchè la disaffezione che ormai gli italiani hanno verso il sistema dei partiti é in aumento.

Le riforme disturbano. Disturbi gli altri tu che le fai e anche te stesso nel momento che le metti in atto, ma vanno fatte – prosegue Bersani -.

Secondo Bersani la mancanza di riforme dipende dall’attuale governo, che non ha dato il messaggio giusto:

Bisogna dire al Paese che c’è un problema – ha spiegato il leader democratico -, e il problema è dare lavoro adesso e alla prossima generazione. Bisogna fare la riforma fiscale adesso e sul serio. Ci impegniamo per un federalismo non di chiacchiere, non dei decreti mensili con dentro nulla; ci impegniamo ad un federalismo delle responsabilita’ che consenta a chi ce la fa di fare un passo in piu’.