Analisi del gettito fiscale di Imu e Tasi

di Redazione Commenta

Nei 2.178 Comuni che hanno deliberato l’aliquota del nuovo tributo, il gettito Tasi/Imu sulle prime case stimato a fine 2014 in base ai primi versamenti è di 1,2 miliardi, il 29,3% in meno rispetto a 1,6 miliardi 2012

La Tasi sarà meno cara dell’Imu. Nei 2.178 Comuni dove sono state deliberate le aliquota della nuova tassa, il gettito Tasi/Imu sulle prime case stimato a fine 2014 sulla base dei primi versamenti è di 1,2 miliardi, il 29,3% in meno rispetto a 1,6 miliardi 2012 (nel 2013 l’Imu sulla prima casa non è stata pagata). Sono i dati comunicati dal Dipartimento delle Finanze.

Ritardo nel saldo Imu e Tasi, il ravvedimento e le sanzioni previste

I versamenti sulle seconde case e degli “altri immobili” mostrano una effettiva stabilità, con un aumento dello 0,15%. Tra i dati che affiorano per l’ abitazione principale, invece, si vede che, nel passaggio dall’Imu 2012 alla Tasi, i Comuni che hanno deliberato le aliquote, 2.178 su un numero di circa 8.000, registrano un calo del numero di contribuenti: quest’anno 1,2 milioni sia di proprietari che  di inquilini non hanno versato l’imposta comunale sull’abitazione principale: il calo, specificano le Finanze, può derivare dall’inserimento da parte di alcuni comuni di esenzioni per l’abitazione principale, “nell’esercizio della propria potestà impositiva”.

Considerando l’incasso concreto della prima parte, su cui si sono realizzate adeguate stime per l’intero 2014, il dato è provvisorio, poiché riferito soltanto a quelle amministrazioni comunali che hanno stabilito il valore dell’aliquota e le connesse detrazioni “e non può essere proiettato in assenza di informazioni sulle delibere che saranno adottate dai Comuni rimanenti” entro il 10 settembre.

Le analisi, evidenzia lo studio del Dipartimento, si fondano sul paragone tra il gettito Imu/Tasi 2014 proiettato su base annua e il gettito Imu 2012. L’anno 2012 è stato scelto come punto di riferimento invece che l’anno 2013, perché il gettito Imu 2013 è troppo subordinato alle esenzioni previste dai decreti legge Imu-Cig 102/2013 e Imu-Bankitalia 133/2013 per le abitazioni principali, i terreni e altre categorie di immobili.