Ripristinata l’anzianità contributiva per le pensioni dei dipendenti pubblici

di Simone 4

ministro-brunetta-renato-pdl-1Le pensioni dei dipendenti pubblici subiscono una nuova inversione di rotta: il comma 11 dell’articolo 72 della legge 133 del 2008, dopo pochi mesi, ha infatti puntato verso una sorta di “svecchiamento” del pubblico impiego. Torna quindi in auge la pensione per i dipendenti pubblici al momento del raggiungimento dei 40 anni di anzianità contributiva. Si tratta di una novità contenuta nella cosiddetta manovra d’estate e che rende vana la riforma Brunetta dello scorso marzo, la quale aveva previsto il pensionamento dopo 40 anni di anzianità massima di servizio effettivo. La norma è dunque tornata nella sua versione originale: il fatto che non siano più necessari 40 anni di servizio effettivo significa che la platea di pensionati in questione sarà molto più ampia, visto che si conteggeranno anche i periodi precedenti all’assunzione, purché siano stati caratterizzati dal versamento dei contributi.

 

Numeri ufficiali non ve ne sono, ma i tecnici della Funzione pubblica hanno sottolineato come in tal modo i pensionati del 2009 potrebbero salire da 1.500 a 9.000, in relazione al settore scolastico: una novità di non poco canto, dato che vi può essere in tal caso la possibilità di nuovi ingressi per i precari. Il provvedimento si riferisce a tutti i dipendenti pubblici, escludendo però dal novero categorie come quelle dei magistrati, dei dirigenti medici e dei professori universitari: l’amministrazione è tenuta pertanto a comunicare, con un periodo di preavviso pari a 6 mesi, il collocamento in quiescenza, una volta raggiunti i famosi 40 anni di contributi, anche nel caso in cui non sia stata raggiunta l’età da pensionamento.

 

Infine, bisogna sottolineare anche l’importanza della norma interpretativa che ha portato delle conferme in merito alla cessazione dal servizio e alla validità delle lettere di preavviso, le quali sono state messe a disposizione dalle amministrazioni, in virtù dell’originaria versione del già citato articolo 72, ora confermato dalla nuova normativa.

Commenti (4)

  1. Sono agli sgoccioli dei miei 40 anni di servizio (31 uglio 2010) ma presso gli uffici dell’asl dove lavoro, non sanno ancora indicarmi a quanto ammonta più o meno il mio tfr.
    sono stato assunto il 01/08/1970, quindi il 31 di luglio del 2010 scadono 40 anni di contributi, mi potreste indicare approssitivamente a quanto ammonterebbe la mia buonuscita se si può chiamarla ancora così?

  2. Buongiorno signor Ippolito,
    l’indennità di buonuscita può essere calcolata attraverso una specifica formula che le illustro subito:

    anni x 13/15 x ( stipendio + indennità integrativa speciale x 60/100 )

    Per essere più precisi, la buonuscita è pari a tanti dodicesimi dell’80% dell’ultimo trattamento retributivo, dell’indennità integrativa speciale (nella misura del 48%), della tredicesima mensilità, per quanti sono gli anni utili (di servizi resi con iscrizione al fondo, riscattati, nonché quelli relativi ad anzianità di servizio convenzionali, la cui copertura previdenziale è prevista da apposite disposizioni legislative), computando come anno intero la frazione di anno superiore a sei mesi (quella uguale o inferiore si trascura).
    Cordiali saluti

  3. Hi, as you can see this is my first post here.
    I will be happy to get some help at the beginning.
    Thanks and good luck everyone! 😉

I commenti sono disabilitati.